Preservare

Nulla è andato perduto

Della grande Villa, una casa nobiliare per molto tempo lasciata in abbandono, nulla è andato perduto. Con il restauro conservativo dell’antica struttura l’intima essenza del luogo e i suoi segreti più nascosti sono stati preservati, come le antiche cantine sotterranee trasformate nella immutata quiete della silenziosa barricaia. Dai locali della storica villa la cantina si estende al progetto di ampliamento nato da un’idea e disegno di un noto architetto del territorio che ne ha concepito i nuovi spazi. Una struttura nascosta di mille metri quadri, un gioiello tecnologico progettato con il preciso intento di preservare la natura del luogo originario.
cantna

Rinnovare

Enologia progredita

ll proposito di Giovanni condiviso con l’enologo Riccardo Cotarella è che la purezza dei vitigni si ritrovi intatta nel calice, che la fedeltà al terroir si articoli in uno stile enologico originale, innovativo, ricercato e tuttavia più che mai armonico e rispettoso delle caratteristiche dei luoghi. Dalla viticoltura contadina alla enologia progredita questo il salto virtuoso che permette di creare nuovi vini, il cui compito é quello di portare intatta la purezza e il carattere del terroir nel bicchiere.